Viaggiare sicuri con il monopattino elettrico

In molte città li si trovano ad ogni angolo di strada e possono essere noleggiati in tutta semplicità tramite app presso diversi offerenti. Per viaggiare sicuri occorre tuttavia osservare diversi aspetti. Si consiglia ad esempio di indossare delle protezioni adeguate sebbene finora non sussista l’obbligo legale del casco. I monopattini elettrici vanno utilizzati sulla strada risp. sulla pista ciclabile o sulle strisce ciclabili. È vietato guidare sul marciapiede. Chi non rispetta tale disposizione è punibile per legge. Per saperne di più: swica.ch/e-monopattino


La stagione dell’influenza è alle porte

Per ridurre il rischio di influenza o di complicazioni, l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) consiglia di vaccinarsi contro l’influenza stagionale. La vaccinazione è raccomandata alle donne in gravidanza, ai neonati, alle persone con più di 65 anni e alle persone con determinate malattie croniche. Il momento migliore in cui sottoporsi alla vaccinazione è tra metà ottobre e metà novembre.


L’8 novembre 2019 è la Giornata nazionale di vaccinazione contro l’influenza: molti studi medici e molte farmacie offrono la possibilità di vac­cinarsi senza previo appuntamento.

Per saperne di più: vaccinarsicontrolinfluenza.ch/it/


Donazione di organi: diritto di coinvolgimento per i familiari

Decidere di donare i propri organi è una scelta personale. Ad oggi in Svizzera vige la soluzione dell’approvazione, ossia la persona deceduta deve aver accettato espressamente la donazione quando era ancora in vita. L’iniziativa popolare «Favorire la donazione di organi e salvare vite umane» mira a far diventare tutti donatori di organi, a meno che non ci si opponga per iscritto. Il Consiglio federale appoggia l’iniziativa, intende tuttavia tutelare i diritti dei familiari. Essi devono infatti continuare ad essere coinvolti e poter rifiutare una donazione se corrisponde alla volontà della persona deceduta.


Distribuzione di pastiglie di iodio


La Confederazione invia alle persone che ­vivono entro un raggio di 50 chilometri da una centrale nucleare delle pastiglie di iodio, da ingerire a titolo precauzionale in caso di gravi incidenti in una centrale nucleare. Le persone che vivono al di fuori di tale raggio ricevono le pastiglie nell’arco di 12 ore da un magazzino centrale del cantone di domicilio. Le pastiglie hanno una scadenza di 10 anni: secondo quanto riferito dall’Ufficio federale della sanità pubblica le pastiglie in magazzino verranno pertanto sostituite nel 2020. Le pastiglie conservate presso le economie domestiche scadranno nel 2024.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *